PREVENZIONE E DNA

PREVENZIONE E DNA

La prevenzione è l’attività che mira a ridurre la mortalità, riducendo i fattori di rischio che la determinano.

E’ un insieme di attività, azioni ed interventi con il fine prioritario di promuovere e conservare lo stato di salute ed evitare l’insorgenza di malattie.

Si distinguono tre livelli di prevenzione: primaria, secondaria e terziaria.

La Prevenzione Primaria che agisce nel soggetto sano e si occupa di evitare la comparsa di malattie.

La Prevenzione Secondaria, attiene a un grado successivo rispetto alla prevenzione primaria, intervenendo su soggetti già ammalati, anche se in uno stadio iniziale.

La Prevenzione Terziaria, fa riferimento a tutte le azioni volte al controllo e contenimento dei esiti più complessi di una patologia.

La medicina predittiva è quella branca della medicina che si occupa della diagnosi precoce delle malattie ereditarie, avvalendosi delle moderne tecniche dell’ingegneria genetica.

Con i  Test Genetici del  DNA si analizzano le  varianti dei polimorfismi  che ci indicano un aumento del rischio di sviluppare una patologia in seguito all’esposizione a fattori ambientali sfavorevoli.

Il test predittivo  da indicazioni se l’ organismo può sviluppare determinate malattie.

La medicina predittiva studia i fattori di rischio e ci aiuta  prevenire gli effetti indesiderati delle malattie cronico-degenerative: tutto questo è possibile grazie allo studio del DNA.

Studia i fattori di rischio che fanno insorgere la malattia, la velocità della sua evoluzione, la risposta al trattamento farmacologico ,la gravità e la velocità della sua evoluzione.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *