Che cos'è l'intolleranza al lattosio

L'intolleranza al lattosio è una condizione in cui il consumo di lattosio contenuto in latte e derivati non fermentati provoca una reazione avversa non allergica che si manifesta con disturbi gastrointestinali come ad esempio gonfiore, dolore crampiforme, diarrea ed eventualmente nausea. La causa è, in sostanza la mancanza o la carenza dell'enzima lattasi intestinale. Esistono forme diverse di intolleranza al lattosio, che si possono differenziare prevalentemente in base all'eziologia (genetiche o acquisite). Alcune etnie sono statisticamente più interessate da tale condizione ed esistono dei fattori di rischio abbastanza importanti. La terapia è costituita prevalentemente da una dieta di esclusione, sostituendo latte e derivati con prodotti delattosati, oppure fermentati e quindi naturalmente privi di lattosio. é  anche necessario eliminare il lattosio occulto, contenuto in ingredienti ed additivi. Di recente, è stato proposto un integratore alimentare che può migliorare la digeribilità del lattosio (a base di lattasi). La sua efficacie non è comunque ripetibile su tutti i soggetti, ma i risultati ottenibili migliorano con l'avanzamento tecnologico di sintesi.

Quali sono le cause dell'intolleranza al lattosio

La causa è da ricercare nella mancanza o nella riduzione degli enzimi deputati alla digestione del lattosio, cioè dello zucchero contenuto nel latte e nei suoi derivati, deve fisiologicamente dovrebbe essere scisso in due unità più semplici o monosaccaridi. Questi enzimi, presenti nell' "orletto a spazzola" delle cellule intestinali e chiamati lattasi (beta-galattosidasi), sono deputati alla scissione del lattosio nei due zuccheri che lo costituiscono: il galattosio ed il glucosio. Il galattosio è essenziale per la formazione delle strutture nervose nel bambino, il glucosio rappresenta il substrato energetico primario dell'organismo. In alcuni e rari casi, l'intolleranza al lattosio può essere dovuta non tanto alla carenza di lattasi, quanto alla deficienza degli enzimi proteolitici necessari alla digestione delle proteine del latte.

Quali sono i sintomi dell'intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio, la più comune intolleranza enzimatica, è l’incapacità di digerire il lattosio, uno zucchero presente nel latte e nei suoi derivati. Quando il lattosio, come qualunque altro residuo alimentare non viene digerito, permane nel tratto intestinale, viene fermentato dalla flora batterica. Il processo di fermentazione richiama liquidi nel colon e aumenta la produzione di gas.

In questo modo si originano i principali sintomi quali:

  • Meteorismo
  • Flatulenza Gonfiore Dolori
  • Addominali
  • Stitichezza
  • Diarrea

Come diagnosticare l'intolleranza al lattosio

l test per l’intolleranza al lattosio indica se il soggetto presenta o potrà sviluppare una riduzione dell’attività dell’enzima lattasi su base genetica. Il test può dare informazione sulla possibilità di andare incontro a un malassorbimento primario, ma non può verificare la predisposizione a un malassorbimento ‘secondario’ causato da un danno alla mucosa dell’intestino, ad esempio causato dal morbo di Crohn. Il test genetico si differenzia dal Breath test in quanto quest’ultimo verifica se è presente un malassorbimento per il lattosio, ma non è in grado di dirimere se la causa è genetica o secondaria ad altre condizione patologiche. Per il test genetico non è inoltre richiesta una particolare preparazione e il risultato non è influenzato da fattori esterni e abitudini di vita.

Comments (0)

No comments at this moment
Product added to wishlist
Product added to compare.