DNA Spazzatura

Il "Dna spazzatura” può attivare la risposta immunitaria dei linfociti T

Un recente studio pubblicato su Nature Genetics e coordinato da Beatrice Bodega, docente di Biologia molecolare, e Sergio Abrignani, docente di Patologia generale, ha individuato le molecole di RNA non codificanti derivanti da DNA ripetuto,  molecole fondamentali per l’attivazione e la funzionalità delle cellule immunitarie, in particolare dei linfociti T.

La ricerca evidenzia che gli RNA di LINE1 si accumulano nei linfociti T CD4+ di tipo “Naive” (cellule considerate immature) e, quando queste cellule si attivano, le molecole di RNA di LINE1 diminuiscono drasticamente. Lo studio è stato condotto su cellule derivanti da donatori sani e su tessuti tumorali isolati da pazienti neoplastici. I linfociti CD4+ infiltranti i tumori riaccumulano gli RNA di LINE1, e i ricercatori hanno dimostrato in laboratorio che, silenziando questi RNA, i linfociti T intratumorali riacquisiscono la capacità di eliminare le cellule neoplastiche. E’ stato così identificato un potenziale nuovo bersaglio terapeutico da combinare alle immunoterapie odierne con anticorpi contro ‘Checkpoint inhibitor’ – spiegano Beatrice Bodega e Sergio Abrignani –.

L’obiettivo adesso  è di sviluppare nuove terapie che, spegnendo l’RNA di LINE1 nei Linfociti T intratumorali, possa risvegliare il sistema immunitario silente nel microambiente intratumorale, in modo che i linfociti T possano nuovamente riconoscere e distruggere le cellule neoplastiche”.

Comments (0)

No comments at this moment
Product added to wishlist
Product added to compare.